Il cacciatore di aquiloni, più che un libro un’esperienza!

Il protagonista de ‘Il cacciatore di aquiloni’, romanzo di Khaled Hosseini, è un ragazzo afgano, Amir, di Kabul; Amir vive in una casa piuttosto grande assieme al padre Baba, Ali, grande amico d’infanzia di Baba, nonché loro servo e Hassan, figlio di Ali.
Amir appartiene alla etnia Pasthun, ha perso la madre appena dopo la sua nascita ed ha un complicatissimo rapporto con il padre; Hassan, suo ‘miglior amico’, è di etnia Hazara e nemmeno lui ha mai conosciuto la madre.

Amir frequenta la scuola, mentre Hassan lavora assieme al padre, poi appena Amir è di ritorno dalle lezioni ci gioca assieme oppure ascolta le sue storie, anche quelle inventate dallo stesso, viaggiando con la fantasia e sognando infinitamente. Amir mette spesso in dubbio il loro rapporto di amicizia, anche a causa della loro profonda diversità sociale, ed è in continuo conflitto con il padre, del quale cerca di attirare l’attenzione il più possibile, volendo dimostrare che anche lui vale. È molto geloso, in questo senso, delle attenzioni che Baba rivolge ad Hassan.


L’occasione di dimostrare le sue capacità gli viene offerta durante l’evento più importante della città: ‘la caccia degli aquiloni’, a cui lui e Hassan si erano a lungo preparati.
Gli abitanti di Kabul che partecipano fanno volare in alto i loro aquiloni e alla fine la vittoria va a colui che è stato capace di far rimanere in aria per ultimo il proprio aquilone. Veniva poi assegnato un ulteriore premio a colui che ha trovato il penultimo aquilone tagliato e caduto.
Quel giorno Amir riesce a vincere e lascia al grande cacciatore, Hassan, il compito di ritrovare il penultimo aquilone rimasto in gara sconfitto; Hassan lo trova, ma viene anche fermato da un gruppo di estremisti Pasthum, ragazzini che credono nella superiorità della loro etnia e che stuprano il ragazzo davanti agli occhi di Amir, che, preoccupato, non vedendo tornare l’amico lo cerca. Amir non era intervenuto e anche nei giorni successivi aveva fatto finta di niente, ma con uno stratagemma, non riuscendo più a vivere con il rimorso, si libera tanto di Hassan quanto di Ali.

Nel 1981 Amir e Baba sono costretti a fuggire in America per l’arrivo dei Talebani a Kabul e lasciano così l’abitazione nelle mani di Rahim Khan, amico di lavoro e di famiglia.
In America Amir cresce e si rifà una vita, sposandosi con Soraya, la figlia di un generale afgano. Nello stesso tempo continua a vivere perseguitato dai demoni del passato e dal rimorso e perde pure il padre, di cancro.
È una lettera di Rahim Khan a riportarlo nella sua terra natale. Lo stesso lamenta di essere in punto di morte e di voler dare una possibilità ad Amir di riscattarsi. Da ciò Amir capisce che Rahim conosce la vicenda che tanto ha condizionato la sua vita.
Recatosi in Afghanistan, Amir viene a conoscenza di verità scottanti da Rahim: Hassan era morto, ucciso in mezzo alla strada assieme alla moglie dai Talebani; lui altro non era che il suo fratellastro e suo figlio, Sohrab poteva essere ancora portato in salvo dall’orfanotrofio in cui era chiuso.
Amir scopre che, in realtà, Sohrab non era più in quell’orfanotrofio, ma era tenuto da Assef, che lo violentava periodicamente e lo sfruttava in casa. Amir, dopo una lunga lotta, riuscirà portarlo in salvo e tenterà di offrirgli una nuova vita, più serena, in America, con una nuova madre, Soraya.

Articoli correlati

  • ebook gratuito obag

    In regalo per te...tutto sulle O-Bag!

    La nostra guida sulle borse O-Bag. Colori, prezzi, dove comprare... Iscrivi alla newsletter e scarica subito l'ebook:

By

1 Commento

  1. matteoApr 8, 2009 at 7:32 pm

    che libro stupendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ultimi articoli
ebook gratuito tagli capelli 2019

In regalo l'ebook tendenze tagli capelli 2019 anche su mobile