Vestirsi con l’armocromia

Oggi se ne sente parlare sempre di più; l’armocromia, grazie al lavoro di divulgazione di professionisti come Rossella Migliaccio, è diventata una disciplina di cui ormai influencer, social star e persone comuni non riescono più a fare a meno per valorizzare il proprio look e sentirsi sempre al meglio all’interno dei propri abiti e del proprio make up.

Tu sai cos’è l’armocromia?

In questo approfondimento ti guideremo all’interno di questo mondo colorato per aiutarti a valorizzarti sempre più e per farti sentire bella come non mai.

Vestirsi con Armocromia 470x436 - Vestirsi con l’armocromia

Armocromia: cos’è

Se ne parla tantissimo. Basta aprire le stories di Instagram, fare un giro su qualsiasi social o chiacchierare con le nostre amiche più cool per entrare almeno una volta in contatto con la parola armocromia.

Partendo da quest’articolo sull’armocromia, abbiamo fatto un fatto attraverso la moda, le abitudini sull’acquisto degli abiti e la percezione che abbiamo avuto fino a oggi di ciò che ci stava meglio o peggio, per comprendere quanto cambi la nostra immagine indossare qualcosa che ci doni non solo a livello di taglio ma anche da un punto di vista cromatico.

Inziamo dalle presentazioni: cos’è l’armocromia.

L’armocromia è una disciplina, o meglio, una scienza che, in base ai nostri colori, ovvero quelli di occhi, incarnato e capelli, ci suggerisce una palette di colori adatti alla nostra base e che rende armonica e armoniosa la nostra immagine.

Quante volte davanti allo specchio ti è sembrato che quella maglia o quella camicia ti stessero malissimo e che quel colore stonava troppo con il rosso dei tuoi capelli? O che magari quella tonalità di blu ti valorizzasse? L’armocromia studia esattamente questo.

Come si struttura l’analisi armocromatica

L’analisi armocromatica parte dallo studio dei propri colori di base e, possibilmente, naturali, anche se oggi con i capelli è più complicato, ma l’incarnato non mente, in ogni caso, ed è per questo che ciò che l’armocromia tiene in considerazione è il viso.

Si illumina il viso, struccato, e si cerca di evitare ogni zona d’ombra che possa generare confusione. I capelli vengono raccolti e coperti.

A questo punto, lo specialista in armocromia, avvicinerà al viso dei ritagli di tessuto così da individuare il nostro tono e il nostro sottotono.

Questo è importante perché, ad esempio, uno stesso colore può avere sfumature diverse che possono star meglio o peggio in base al nostro tono o al nostro sottotono. Un verde prato o un verde oliva sono due mondi, o per dirla armocromaticamente, due stagioni diverse.

Perché in armocromia si parla appunto di stagioni.

Oltre al colore in quanto tale, l’armocromia, all’interno dei colori, valuta anche altre caratteristiche, ovvero il contrasto, l’intensità, il sottotono e il valore. A determinare però la stagione di appartenenza, oltre al tono, è il sottotono.

Le stagioni dell’armocromia: quali sono e chi rappresentano

Le stagioni le conosciamo tutti: Primavera, Estate, Autunno e Inverno. E fin qui tutto semplice. Spesso siamo persino bravi ad associare spontaneamente dei colori a queste stagioni perché è la stessa naturale percezione che abbiamo di esse a suggerirceli.

Partiamo da una prima distinzione:

  • Primavera e Autunno: colori caldi;
  • Estate e Inverno: colori freddi.

A intuito risulta abbastanza naturale come distinzione, basti pensare ai colori di cui la natura ci circonda in queste stagioni. I gialli e gli ocra autunnali ad esempio o i gli azzurri e i verdi prato estivi, per non parlare dei freddi bianchi invernali.

Posta questa prima distinzione, il dubbio sulla stagione di appartenenza ce lo risolve l’intensità. Ricordi che abbiamo detto che l’intensità è una delle caratteristiche da tenere in considerazione?

Abbiamo appurato, ad esempio che ci stanno bene i colori caldi, ma siamo una Primavera o un Autunno?

La Primavera ha colori più vivi, l’Autunno ha colori più tenui. E questo aiuta il consulente di immagine a praticare un’ulteriore scrematura.

Ogni stagione ha poi determinati sottogruppi:

  • Primavera: warm, light e bright;
  • Estate: cool, light e soft;
  • Autunno: Warm, deep e soft;
  • Inverno: cool, deep e bright.

E anche in questo caso, i colori che spontaneamente associamo alla natura, ci vengono in soccorso.

A questo punto però cerchiamo di entrare nel dettaglio e proviamo a capire a quale stagione apparteniamo.

Sei curiosa?

Armocromia: il soggetto Primavera

Il soggetto Primavera ha la pelle chiara dalle tonalità avorio, pesca o beige e i capelli che vanno dal castano al biondo, a volte anche rossicci. Gli occhi sono generalmente azzurri, verdi o castani.

I colori perfetti per i soggetti Primavera sono caldi, vivi e brillanti, come il color corallo, il terracotta, l’azzurro cielo, il verde acqua e il blu cobalto.

Armocromia: il soggetto Estate

Il soggetto Estate ha la pelle chiarissima dalle tonalità fredde, i capelli possono essere biondo cenere o castano chiaro, sempre freddo e gli occhi generalmente sono azzurri, grigi ma talvolta anche di un verde freddo.

I colori perfetti sono freddi e tenui che hanno come base il blu, il rosa e il grigio, quindi via libera al pervinca, al blu, all’acquamarina, al rosa pastello o al color lavanda. L’importante è che non abbiano una base calda.

Armocromia: il soggetto Autunno

Il soggetto Autunno ha la pelle caratterizzata da un incarnato scuro, olivastro e da una tonalità calda. I capelli possono essere praticamente di tutti i colori ma accomunati da una base calda, quindi ad esempio si biondo miele ma no biondo cenere. Gli occhi sono generalmente castani o verdi, sempre con riflessi caldi.

I colori perfetti sono quelli caldi e che rimandano alla terra come il rame, l’ocra, il marrone, il verde muschio.

Armocromia: il soggetto Inverno

Il soggetto Inverno ha la pelle che può essere caratterizzata tanto da tonalità ebano che da tonalità avorio. I capelli possono essere scurissimi o biondissimi nelle tonalità più fredde, come il platino. Gli occhi rispettano questi contrasti: o scuri o chiarissimi. Il comune denominatore è il sottotono: freddo.

I colori perfetti per il soggetto Inverno sono tanti, a patto che siano vivaci e brillanti: blu elettrico, verde menta, verde smeraldo, giallo limone, viola, bianco, nero.

Articoli correlati

  • ebook gratuito obag

    In regalo per te...tutto sulle O-Bag!

    La nostra guida sulle borse O-Bag. Colori, prezzi, dove comprare... Iscrivi alla newsletter e scarica subito l'ebook:

By
Ultimi articoli
ebook gratuito tagli capelli 2019

In regalo l'ebook tendenze tagli capelli 2019 anche su mobile