Home Svago Accessori utili in orto e giardino: le fascette metalliche

Accessori utili in orto e giardino: le fascette metalliche

Le fascette metalliche sono semplici accessori che consentono di stringere e fissare un tubo. Sono molto utilizzate in ambito professionale, soprattutto da idraulici ed elettricisti, i quali sono soliti a sfruttare questo tipo di accessori. Le fascette metalliche possono risultare molto utili anche nella preparazione di alcuni impianti utilizzati in giardino o nell’orto. Preparare un impianto di irrigazione con manichetta gocciolante per un ampio giardino o un terrazzo, o anche installare il classico impianto di irrigazione in giardino è un tipo di compito per cui si utilizzano numerose fascette metalliche.

Cosa sono le fascette metalliche

Il nome le definisce in maniera abbastanza precisa, salvo qualche elemento aggiuntivo. Le fascette metalliche sono delle piatte strisce in metallo, che si possono stringere con un elemento di fissaggio, solitamente una vite o un bullone. Questo espediente consente di stringere la fascetta a una misura precisa, evitando che la giunzione che bloccano si slacci o si sfili. Nei negozi di accessori e attrezzi di tipo professionale le fascette metalliche disponibili in diverse dimensioni sono numerose: a variare non è solo la misura della tubazione che possono stringere, ma anche il materiale e la tipologia di fissaggio che presentano. Si possono infatti acquistare fascette metalliche a nastro continuo, stringi tubo con fori lungo il diametro, fascette ad orecchio e collari adatti ad assicurare un tubo a una struttura esterna. Le fascette con molla integrata sono una tipologia particolare, senza viti e che offre comunque una buona resistenza nel tempo.

Le fascette stringitubo negli impianti di irrigazione

La motivazione principale per cui si usano fascette stringitubo, nel giardinaggio come in qualsiasi lavoro di idraulica, riguarda la loro versatilità e la possibilità di utilizzarne in ampio numero senza spendere somme elevate. Anche le migliori fascette hanno costi ridotti, quindi è possibile utilizzarne tante, o anche averne sempre qualcuna a disposizione per soluzioni dell’ultimo secondo. Quando si installa un impianto di irrigazione, le fascette stringitubo sono necessarie per fare in modo che le tubature siano saldamente assicurate ai gomiti e agli irrigatori. Mantengono infatti il tubo ben infilato e senza perdite a lungo tempo, anche in seguito alle sollecitazioni. Per ambienti particolarmente umidi o situazioni con temperature rigide invernali si utilizzano fascette in acciaio zincato, particolarmente resistente alla corrosione. In commercio sono disponibili anche fascette professionali per irrigazione in materiale plastico, generalmente PVC.

Utili per qualsiasi uso

Se solitamente una buona quantità di fascette metalliche si usa nella posa di un impianto di irrigazione è anche vero che questi semplici accessori possono risultare utili in tantissime altre situazioni. Ad esempio per fissare la gomma da giardino al rubinetto di partenza, o per rendere più stabile la chiusura dei vari supporti e raccordi che si sfruttano in queste situazioni. Una fascetta metallica può essere usata anche per fissare i sostegni di una pianta rampicante o per predisporre un capanno per gli attrezzi che sia robusto e resistente. Il fatto che siano progettate per l’uso con tubature non significa che non le si possa utilizzare con qualsiasi oggetto o accessorio di forma tubolare. Ricordiamo che queste fascette sono molto utili per fissare una tubatura a un sostegno o a un irrigatore. Le si deve però utilizzare senza forzare il diametro del tubo stesso; in caso contrario si potrebbe ridurre la portata del tubo, cosa che potrebbe causare problemi all’intero impianto di irrigazione.

L’impianto di irrigazione e la siccità

In un periodo in cui l’acqua delle piogge è un ricordo in molte Regioni italiane è importante ricordare che gli impianti di irrigazione possono risultare utili per il risparmio idrico. Questo è vero sia in ambito agricolo, sia nei giardini e negli orti famigliari. Gli impianti di irrigazione infatti consentono di distribuire l’acqua nelle vicinanze delle piante che si stanno coltivando, evitando di disperderla in zone in cui non è necessario.
Avere un impianto di irrigazione ben progettato e ben installato consente di conservare l’orto e il giardino in buono stato, evitando di sprecare l’acqua, perché evita di bagnare le zone in cui possono svilupparsi piante infestanti e perché portano l’irrigazione solo dove è necessaria. Dove è possibile poi è consigliabile programmare un’irrigazione notturna, che limita l’evaporazione dell’acqua causata dal forte sole estivo.
Certo, il fabbisogno di acqua rimane comunque importante, ma con un buon impianto di irrigazione si ottiene il massimo possibile con una minore quantità di acqua. Infatti già in molte Regioni i contadini usano l’acqua in modo adeguato, posizionando impianti goccia a goccia, accade ad esempio in alcuni agrumeti siciliani.

Goccia a goccia per non disperdere l’acqua

In molte zone l’irrigazione del verde pubblico e di varie coltivazioni viene fatta a pioggia. L’impianto è munito di irrigatori sopraelevati rispetto al terreno, che spargono grandi quantità di acqua in vaste aree, spesso nel corso della giornata. Questo metodo di irrigazione è in alcuni casi necessario, ma in varie situazioni porta a un elevato spreco di acqua. Parte della stessa infatti evapora rapidamente, mentre una certa percentuale non riesce a raggiungere il campo coltivato o l’orto con le verdure che stanno maturando.
In molti casi a un impianto a pioggia sarebbe bene preferirne uno goccia a goccia. È costituito da una tubatura che raggiunge capillarmente tutta la zona da irrigare; ogni tubo possiede alcuni forellini, che si aprono al passaggio dell’acqua. Oppure il tubo principale porta numerosi piccoli tubi, che si interrano per pochi centimetri nei pressi della pianta da irrigare. In questo modo l’acqua non viene sparsa su ampie zone, o sull’intero frutteto o orto, la si fornisce direttamente alla pianta che si sta coltivando. Il risultato è un orto o un frutteto fiorente e rigoglioso, con meno acqua e con pochissima evaporazione verso la superficie.

Un impianto di irrigazione nell’orto

Per i professionisti e gli agricoltori è molto facile approfittare degli impianti di irrigazione. Ricordiamo però che si tratta di installazioni abbastanza semplici anche per l’hobbista. Per installare un impianto con ala gocciolante in un piccolo orto famigliare servono solo un paio di ore e una dose di buona volontà. Con il giusto materiale, delle fascette stringi tubo di qualità professionale e una certa dimestichezza con pochi semplici utensili si può ottenere un orto perfetto e un buon risparmio sull’acqua utilizzata. Senza considerare poi che è possibile allacciare l’impianto di irrigazione a un serbatoio per l’acqua piovana; inoltre il tempo impiegato periodicamente per irrigare l’orto è minimo, soprattutto se si installa una centralina programmabile.

Articoli correlati

Ultimi articoli

Come imparare a investire sul mercato valutario grazie ai corsi forex

Sono sempre di più le persone che desiderano apprendere ad investire sul mercato valutario in completa autonomia e per questo ricercano dei corsi forex...

Smartphone ricondizionati: come risparmiare senza rinunciare alla qualità

Si sa, acquistare uno smartphone di grandi marchi potrebbe costare molto. Ed ecco perché in tanti optano per comprare smartphone ricondizionati. Di cosa si tratta?...

Come risparmiare sull’acquisto online di scarpe e vestiti

Shopping mon amour…. Quante donne pensano questo, ma siamo sicuri che anche qualche uomo non lo pensi? Perchè non spendere qualche soldino per regalarsi...

Diario Chiara Ferragni 2022 2023

Dopo l'enorme successo riscosso lo scorso anno, la linea scuola Chiara Ferragni 2022 2023 si rifà il look! Completamente aggiornato il diario scolastico agenda 2022...

Smemoranda 2023 Diario Scolastico: Prezzi, Colori e Special Edition

Agenda Smemoranda 2023: Fuori! Il titolo del diario scolastico SMEMORANDA 2022 2023 è Fuori! Vuole essere un incentivo a guardare “fuori” e scoprire il mondo, ma...