Home Auto e motori Adesivi per moto: dove e come si applicano

Adesivi per moto: dove e come si applicano

Per essere certi che gli adesivi per moto durino a lungo nel tempo, è necessario non solo essere consapevoli degli accorgimenti che occorre mettere in pratica per applicarli, ma anche conoscere le parti che è necessario proteggere e sapere in che modo vanno sgrassate le superfici. Al tempo stesso, è bene informarsi a proposito di ciò che si deve fare prima e dopo l’applicazione, e ovviamente capire quali sono i migliori rivenditori.

Vulturbike

Al di là dei suggerimenti per una perfetta applicazione, infatti, è chiaro che per essere certi di una resa ottimale non si può prescindere dalla scelta di adesivi per moto di alta qualità. Si possono trovare, per esempio, sul sito di Vulturbike, e-commerce specializzato in questo settore; per altro, per tutti gli ordini di adesivi sopra i 150 euro, non ci sono spese di spedizione. Grazie a Vulturbike è possibile scoprire un vasto assortimento di grafiche, e le consegne vengono garantite entro 48 ore in Italia ed entro 72 ore nel resto d’Europa e del mondo. Il sito offre anche molti altri prodotti, come per esempio cupolini e carene: insomma, tutto ciò che può essere utile per personalizzare la propria moto in maniera efficace.

La scelta degli adesivi

La scelta degli adesivi non è che il punto di partenza di un procedimento più complesso e lungo che ha lo scopo di rendere la propria due ruote più attraente e di migliorare il suo aspetto estetico. Soprattutto se si è dei neofiti, è fondamentale essere consapevoli dei vari accorgimenti che è opportuno mettere in pratica per una corretta applicazione delle grafiche, in modo che possa essere garantito un risultato apprezzabile a 360 gradi e che si sia certi che gli adesivi durino per quanto possibile nel tempo. Va detto che la procedura di applicazione non è complessa, ma per arrivare al risultato voluto è necessario conoscere la tecnica ideale. Il che vuol dire, fra l’altro, conoscere alla perfezione tutti i materiali con cui si ha a che fare. Detto ciò, se si ha paura di sbagliare o semplicemente si ritiene di non essere in possesso della necessaria manualità, nulla vieta di contattare un installatore qualificato o un carrozziere in modo da affidare il compito a un professionista.

Proteggere la moto

Non tutte le parti di un moto hanno bisogno di un livello di protezione uguale: alcuni componenti richiedono delle accortezze supplementari. In particolare è opportuno dedicare una particolare attenzione alla zona del serbatoio, che è una di quelle più soggette al rischio di graffi o sfregamenti. Per questo motivo si deve tenere conto delle protezioni laterali e badare anche al paraserbatoio, al tappo del serbatoio e al battitacco. Si tratta di parti in cui nella maggior parte dei casi si appoggiano degli oggetti o che, più semplicemente, sono a contatto con le chiavi, che – come noto – rischiano di causare danni alla carrozzeria. Per quel che riguarda le protezioni laterali, invece, la loro missione è quella di ottimizzare l’aderenza alla moto quando si è in strada, garantendo al tempo stesso una protezione rispetto allo sfregamento dei pantaloni.

Come preparare l’applicazione degli adesivi

Non è così rapido il procedimento necessario per applicare gli adesivi, ed è per questo che conviene procedere solo avendo abbastanza tempo a disposizione. Come si è detto, non è una mansione complessa, ma richiede un po’ di calma e la giusta dose di attenzione e di organizzazione. Si tratta di un lavoro che va effettuato con estrema cura. Le mani devono essere pulite e asciutte, prive di qualunque residuo: prima di procedere è necessario lavarle con acqua e sapone. Lo stesso dicasi per le superfici sulle quali andranno applicati gli adesivi: è opportuno pulirle e sgrassarle nel modo più attento possibile. Per procedere servono dei detergenti professionali, mentre non vanno bene i prodotti sottomarca. Anche il fai da te deve essere evitato nella maniera più assoluta. In vista della scelta del detergente è opportuno considerare le parti che dovranno accogliere gli adesivi: i paramani, gli specchietti e il parafango, in particolare, sono superfici porose in plastica che richiedono l’impiego di uno sgrassatore universale. Nel caso del cupolino, che è realizzato in plastica, ci si può accontentare di un detergente per i vetri. Per le parti di carrozzeria e per le superfici lisce, infine, è auspicabile adoperare uno sgrassatore universale.

Come si applicano gli adesivi

Una volta che la moto è stata pulita, gli adesivi possono essere applicati. Dopodiché bisogna aspettare per far sì che essi aderiscano. La moto, quindi, non deve essere utilizzata o lavata per almeno 24 ore. L’adesivo deve essere staccato dalle estremità, mentre non bisogna utilizzare le dita per toccare la parte con la colla. Va ricordato che gli adesivi per moto non sono semplici sticker, ma elementi delicati: occorre aspettare che la colla diventi dura e possa fare presa prima di mettersi in sella.

Articoli correlati

Ultimi articoli

Soldo: come gestire le spese aziendali con l’automazione dello spending management

Lo spend management rappresenta un'analisi completa e puntuale di tutte le spese al fine di ottimizzarle: a livello aziendale, ciò diventa prioritario per monitorare...

Quanto influisce lo stato d’animo nella crescita personale

La crescita personale consiste nello sviluppo dal punto di vista umano e sociale raggiunto da un individuo, attraverso un percorso basato sulla ricerca interiore...

Il Laser UV e le sue applicazioni industriali

Dalla microlitografia alla marcatura passando per la perforazione, le applicazioni dei laser a raggi ultravioletti (UV) rappresentano uno dei segmenti a più rapida crescita...

Trucco da sera: Foto e Idee Make up occhi

Ho raccolto per me e per Voi una foto gallery di idee per il trucco da sera, tante immagini di make up da festa...

Tutti i benefici di una poltrona relax per la salute degli anziani

Comodità, funzionalità, praticità e sicurezza sono condizioni di primaria importanza per anziani e disabili, in particolar modo all'interno delle mura domestiche: la casa deve...